Islanda: la cascata ghiacciata di Svartifoss

svartifoss panorama cascata di ghiaccio e colonne di basalto stalattiti

Cascata di Svartifoss in inverno – Islanda

La strada corre verso est, in mezzo ai paesaggi di ghiaccio dell’Islanda in inverno. Un deserto bianco con il mare a destra e le montagne, lontane, a sinistra. Superata Vik, non ci sono più quasi villaggi, se non qualche gruppetto di case. Quando ci si avvicina al parco di Skatafell, le montagne diventano sempre più vicine e imponenti. Il vento soffia forte, spinto dalla massa d’aria gelida che icontra quella calda del mare. Proprio quando la strada va a sbattere contro alle montagne di Skatafell, si devia a sinistra, e poco avanti inizia il cammino.

svartifoss ghiaccio colonne basalto viaggio islanda inverno

svartifoss cascata ghiaccio colonne basalto viaggio inverno islanda

svartifoss viaggio cascata ghiaccio colonne basalto inverno islanda

Colonne di basalto e stalattiti di ghiaccio a Svartifoss

svartifoss ghiaccio cascata viaggio inverno islanda

La cascata congelata

svartifoss panorama inverno islanda viaggio

Panorama su Skatafell salendo a Svartifoss

Il sentiero è una mulattiera comoda ma ghiacciata. Senza i ramponi si cammina a volte in un delicato equilibrio su una sottile e scivolosa crosta di ghiaccio. Sulla destra incombono le vette di Skatafell, mentre alle spalle il sole rimane sempre basso scintillando su una palude ghiacciata.

Quando Svartifoss appare da lontano, non sembra così particolare. Ma, come tutte le cose, bisogna andare vicino. In questo caso vuole dire scivolare giù sul sentiero più stretto, che serpeggia in discesa e poi lungo il torrente coperto di ghiaccio. Quando si arriva sotto al grande salto ghiacciato, l’anfiteatro di colonne di basalto e le stalattiti di ghiaccio splendono in tutta la loro imponenza. Svartifoss è immobile, un enorme blocco di ghaccio che arriva fino alla base. La poca acqua non congelata scorre all’interno, e poi il torrente prosegue verso il mare, sempre sotto la crosta gelata. Il sole è freddo, ma basta a fare crollare di tanto in tanto una stalattite. È meglio non mettersi proprio lì sotto, per non venire trafitti da una spada di ghiaccio più grande di una persona. In inverno in Islanda il sole rimane sempre basso all’orizzonte, il tramonto dura tutto il pomeriggio.

svartifoss cascata ghiaccio viaggio islanda inverno

Panorama dal sentiero, tornando da Svartifoss

Il sentiero poi prosegue in un giro ad anello. Ma se, come noi, arrivate un po’ tardi, dopo Svartifoss tornerete indietro, scivolando di nuovo sul sentiero ghiacciato, con il vento che aumenta la sua forza prima di urlare nella notte e magari portare una bufera il giorno dopo. Prima di venire a Svartifoss, è meglio tenere d’occhio le condizioni meteo.

Organizzazione dell’escursione a Svartifoss

Arrivare a Svartifoss è semplice. Dall’anello esterno che gira intorno all’Islanda, c’è un cartello che la indica a sinistra. Dopo pochi metri c’è il centro visitatori dove si parcheggia e ci si registra. Lì parte il sentiero. Un breve trekking di circa 45 minuti porta al punto panoramico su Svartifoss. È bene però scendere lungo il sentiero e arrivare al ponticello, e da lì continuare per arrivare nel punto più vicino alla cascata. Utili i ramponcini in caso di ghiaccio.

–> Foto e racconto del viaggio in Islanda

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.