Islanda: la spiaggia nera di Reynisfjara (Vik)

Islanda Vik spiaggia nera

L’Islanda è la terra del ghiaccio e del fuoco. Sto tornando dalla Groenlandia, in inglese Green-land, e atterro nella Ice-land. In realtà dovrebbe essere l’esatto contrario. Ho lasciato una terra coperta dalla calotta polare, un mare ricoperto di iceberg, e dal finestrino dell’aereo che sta per atterrare vedo colline verdi e grandi terre rigogliose. Mi sembra che qualcuno abbia scambiato i nomi sulle mappe. In realtà la ragione è storica. L’Islanda è stata scoperta per prima e battezzata Iceland, mentre la Groenlandia, scoperta dopo, fu chiamata così da chi voleva colonizzarla e doveva trovare uno stratagemma per convincere i suoi compatrioti ad andare a vivere in una terra per lo più coperta di ghiaccio. Limitò i suoi racconti a quella piccolissima striscia di terra scongelata vicina alla costa, dove verdi vallate (almeno in estate) si alternano a fiordi frastagliati. La battezzò Green-land, come fosse un paradiso terrestre al pari di qualche isoletta nel pacifico all’altezza dei tropici.

islanda spiaggia nera vik ReynisfjaraSul fuoco invece non si discute. L’Islanda forse dovrebbe chiamarsi fire-land. Le placche di Eurasia e Ameria hanno proprio qui la loro zona di rottura. Stirano l’Islanda tirandola da due lati, creando eruzioni, terremoti e maremoti. L’isola non sta mai ferma. La cicatrice tra le due placche è uno dei luoghi turistici che ti portano a vedere nelle escursioni in giornata da Reykjavík.
Sono rimasto solo pochi giorni in Islanda. Il modo più semplice per muoversi è prendere un tour in giornata, con un autobus che riunisce i vari turisti disorganizzati. Io avevo in programma il tour del Landmannalaugar, ma l’autobus si è dimenticato di me. Sono partiti e mi hanno lasciato ad aspettare al mio ostello, finché ho chiamato, ma era troppo tardi. Così ho ripiegato sul tour delle cascate e della spiaggia nera di Reynisfjara, vicino a Vik.

spiaggia nera Reynisfjara islanda
La spiaggia è formata da sabbia nera, scurissima. L’effetto cromatico con le onde del mare che vi si infrangono è surreale. Ce se sono tante in giro per il mondo. Qui però il nero non è sinonimo di sole che scalda e che brucia, ma di freddo e potenza della natura, di un mare insidioso in una terra imprevedibile. Così si visita la spiaggia nera, con un certo timore nel sentire le storie sul mare grosso e pericoloso, o nel sentire le leggende di troll o giganti.

spiaggia nera islanda Reynisfjara

viaggio islanda spiaggia nera Reynisfjara

spiaggia nera islandaCi sono formazioni vulcaniche che ricordano la Giant Causeway in Irlanda, con una grotta scura come la pece.

islanda spiaggia nera Reynisfjara colonne

islanda spiaggia nera Reynisfjara grottaSopra di essa le pulcinelle di mare fanno la spola a pescare. Vorrei fermarmi fino alla sera, fino al tramonto, per vedere la spiaggia nera scurirsi ancora di più mentre il sole si nasconde dietro l’orizzonte. Il mio bus però parte, e non posso perderne due in un giorno solo. Ci tornerò con più calma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.