Montagna e Trekking

Crescendo rosso – val Ferret

Ho viaggiato per il mondo. Ho cercato spesso le montagne, indugiando tra i vulcani sulla cordigliera delle Ande, camminando alle pendici dell’Himalaya, attraversando le valli del Karakorum e dei Monti del Pamir.  Questo scatto però non ritrae nessuno di questi luoghi. Questa volta mi sono fermato a due ora da casa. Potresti anche esserci stato Racconto

Rifugio Quintino Sella

Il rifugio Quintino Sella è uno dei rifugi più spettacolari che abbia visitato. Posizionato a 3585 metri di quota sul massiccio del Monte Rosa, giace in mezzo al ghiacciaio, con un invidiabile panorama e ambiente d’alta montagna. E’ il punto d’appoggio per le scalate al Castore e al Lyskamm. Si parte da Gressoney-La-Trinité, e si Racconto

Gita da Macugnaga: rifugio Zamboni e lago delle locce

Cercate una gita facile in un ambiente di montagna favoloso, a meno di due ore da Milano? La risposta è il rifugio Zamboni, in Val d’Ossola, sopra Macugnaga. La vallata del rifugio Zamboni si trova sotto alle pareti del Monte Rosa, un’atmosfera d’alta quota alla portata di tutti. Sentiero dopo il belvedere Da Macugnaga, si Racconto

Gita all’Alpe Devero: lago Devero e lago di Pianboglio

Una gita facile, poco dislivello, poca fatica. Sembra non portare a nulla di interessante. Invece, all’Alpe Devero basta poco per trovarsi immersi in vallate paradisiache. In inverno meta per sci, sci-alpinismo e ciaspole, in estate meta di fantastiche gite a piedi. L’Alpe Devero in sé è già bella senza nemmeno camminare: l’alpeggio è ampio e Racconto

Salita al Monte San Primo

Ho deciso di salire al Monte San Primo dalla Conca di Sormano, circa 5 chilometri dopo il paese. Gita ideale per l’inverno. Parcheggio la macchina nei pressi dell’osservatorio astronomico e cammino sul sentiero che risale il prato dietro l’osservatorio.

Laos: Trekking da Muang Sing

Siamo arrivati a Muang Sing con mezzi locali, un po’ di fortuna. Un lungo viaggio partito da Luang Prabang in barca, poi proseguito in tuk tuk attraverso strade di montagna fino al villaggio quasi al confine con la Cina, in mezzo ad una piana circondata da colline e punteggiata di villaggi delle minoranze etniche Akha, Racconto

Nepal – Il trekking di Poon Hill

Sono arrivato a Pokhara in autobus da Kathmandu. Non ho prenotato né una stanza né un pacchetto per un trekking. E’ metà aprile, la seconda migliore stagione per i trekking in Himalaya. L’ideale sarebbe settembre/ottobre, con il rischio però di trovare un’orda di turisti e i rifugi pieni. Ingaggio una guida tramite il proprietario della Racconto

Indonesia: trekking al vulcano Ijen

Un viaggio attraverso l’isola di Giava è un viaggio in mezzo ai vulcani. Dopo un paio di giorni al vulcano Bromo, mi sono diretto verso il cratere dell’Ijen, dentro al quale si trova un lago sulfureo verde. Il viaggio verso il vulcano è lungo. Mi fermo una notte in una guesthouse vicina al vulano, dove Racconto

Azzorre: trekking al vulcano Pico

Il vulcano Pico domina l’omonima isola, che si è formata sul mare come se fosse colata dal suo cratere. Lo si vede svettare molto da lontano, anche dalle isole vicine. Sull’isola Faial lo si vede proprio di fronte, appena oltre allo stretto canale di Oceano Atlantico, a incorniciare il panorama della cittadina di Horta. Bisogna Racconto

Lofoten: il trekking di Reinebringen

A nord del circolo polare artico, l’arcipelago delle Lofoten si protende verso il mare oltre il groviglio di fiordi della costa norvegese. Il trekking di Reinebringen parte dalla cittadina di Reine. Dicono sia uno dei trekking più belli di tutta la Norvegia. Si parte in fondo alla cittadina, parcheggiando prima di un tunnel che poi Racconto

Gran Paradiso: via normale dal rifugio Vittorio Emanuele

Gran Paradiso: Via normale dal rifugio Vittorio Emanuele Siamo saliti al Gran Paradiso dalla via normale, pernottando una notte al rifugio Vittorio Emanuele. Abbiamo parcheggiato l’auto a Breuil, vicino a Pont (in Valsavarenche), a circa 1950 metri.

Breithorn Occidentale: via normale dal Plateau Rosà

Diagonali verso la vetta del Breithorn Occidentale Il Breithorn Occidentale è considerato il 4000 metri delle Alpi più facile, in particolare se si sfrutta l’ascensione meccanica (funivia) da Cervinia, evitando così una lunga salita preliminare. Facile e poco faticoso, in particolare se lo si scala una settimana dopo il Gran Paradiso.
Torna Su