Racconti di Viaggio – ASIA CENTRALE

Tramonto nelle steppe dell’Asia centrale

La steppa ha nella sua piatta monotonia uno dei suoi fascini. Bisogna aspettare la sera e salire in alto. Basta poco, perché all’orizzonte non ci sono colline, montagne, o qualunque posa possa ostacolare la vista. L’orizzonte, piatto e monotono, diventa teatro di tramonti di fuoco. Il sole si abbassa in fondo alla steppa, i suoi Racconto

Karakul: un paradiso desolato sull’altopiano del Pamir

Pamir Express, il mio diario di viaggio lungo la Strada del Pamir Karakul tagiko, Karakul cinese, Karakol kirghizo. Ci sono molti laghi simili in Asia Centrale, e prima di partire per il viaggio lungo la Strada del Pamir facevo fatica anch’io a capire dove e come fosse il Karakul in Tagikistan, sull’altopiano del Pamir. Kara Racconto

Tagikistan: pecore sulla Strada del Pamir

“Pamir Highway”. Un’autostrada? Non proprio. Così dicono le mappe, con un certo azzardo. La Pamir Highway a volte non sembra nemmeno una strada. Parte a Dushanbe, capitale del Tagikistan, e termina a Osh, in Kirghizistan, oltre i monti del Pamir.

Tagikistan: a casa del cacciatore

Tagikistan: altopiano del Pamir, lungo la strada M41 Un uomo dal viso scuro ci ha seguito fino in cima alla collinetta, mentre noi stiamo fotografando il tramonto su Murghab con lo sfondo dei monti del Pamir. Mi dice qualcosa che non riesco a decifrare. Io lo guardo rispondendo in un inglese che so essere inutile. Racconto

Uzbekistan: incontri in viaggio sulla Via della Seta

Daisuke è partito da Tokio in bicicletta. Destinazione Istanbul. La sua pelle è scura come quella di un uomo dell’Africa nera. Non ha potuto fare molto. Nemmeno le maniche lunghe hanno impedito, nei mesi sotto al sole dell’Asia, di abbronzarsi sempre di più. Ha attraversato la Cina e le sue megalopoli. Lui e la sua Racconto

Passo del Khunjerab: il confine tra Pakistan e Cina

La Karakorum Highway verso il confine al passo del Khunjerab Siamo partiti da Sost una mattina fresca, quasi fredda. Il villaggio vive intorno alla Karakorum Highway, in un via vai di gente, merci, camion che corrono dalla Cina al Pakistan e viceversa. Una terra di mezzo polverosa e anonima. Per ritrovare la poesia dei villaggi Racconto

Kirghizistan: il mercato degli animali di Kochkor

Sono arrivato in Kirghizistan dalla “Pamir Highway”, la strada che valica l’altopiano Tagiko in mezzo ai monti del Pamir. Sono risalito fino alla capitale Bishkek e l’inizio del viaggio da Dushanbe sembra lontanissimo. Ma il viaggio non è finito. Ad avere tempo, mi dirigerei verso uno dei due passi verso la Cina, superare di nuovo Racconto

Uzbekistan – Fuga dall’aereo

Io non posso scendere da quell’aereo. Al check-in sono stati chiari: hai un volo per Tashkent e lì ti dobbiamo consegnare. E’ una questione legale. Me lo ha ribadito sull’aereo la capa hostess: c’è solo una comitiva che si ferma lì, allo scalo di Urgench. Gli altri devono rimanere a bordo fino alla destinazione finale. Racconto

Sorrisi d’oro – Kirghizistan

La prima volta che sono salito su un bus locale in Asia Centrale mi ha preso un sussulto: solo salito con il mio zaino e mi sono accucciato davanti, di fronte a tutti i passeggeri. Mi si è spalancata davanti una parata di sorrisi di dentoni d’oro e per un attimo ho creduto di essere Racconto

Trasparenze, Tagikistan

Il velo quasi come una sindone che copre il visto. Viaggiavo in macchina poco fuori Dushanbe. Ho scattato abbassando il finestrino e cercando di catturare il viso. In questi casi non si ha il tempo di regolare la macchina fotografica né di badare ai dettagli dell’inquadratura: ho acceso con il selettore in modalità sport per Racconto

Tramonto al Song Kul, Kirghizistan

Il temporale è appena passato. Un improvviso e forte scroscio d’acqua si è abbattuto sul lago e sulla nostra yurta. Una leggenda parla di due giganti che, non lontano da qui, si soffiano addosso da secoli in una disputa senza fine. Le nuvole corrono veloci, il sole si mischia alla pioggia e poi torna a Racconto

Uzbekistan: le fortezze nel deserto

La mia guida di viaggio dice che per Chiva può stare una mezza giornata. Che si tratti di un errore di stampa? La cittadina è una magia architettonica in mezzo ad una steppa senza fine. Immaginate di arrivarci con una carovana dopo settimane nel deserto e trovare una città fortificata, architetture dalla forma sinuosa e Racconto
Torna Su