Racconti di viaggio – EUROPA

Bianco-nero-bianco: inverno in Lapponia

Esco dalla tenda. Ho dormito con la macchina fotografica nel sacco a pelo. È già giorno, e la luce è bianca e lattiginosa nelle ultime tappe della mia traversata nella Lapponia finlandese.  Infilo gli stivali polari, scendo nel bosco affondando nella neve fresca fino alle ginocchia. Davanti a me c’è il fiume ghiacciato, che finisce Racconto

Arcobaleno al tramonto, Irlanda

Sono in viaggio nel Donegal. L’autobus procede attraversando paesaggi ampi e un po’ desolati. Un’Irlanda meno spettacolare della sua costa ovest, che non ti rapisce subito lo sguardo. L’apprezzi strada facendo, nei suoi colori che si accendono tutti insieme al tramonto, sulle collinette che sfumano sull’oceano. La gente è molto tranquilla, leggermente malinconica negli sguardi Racconto

Islanda: la spiaggia nera di Reynisfjara (Vik)

L’Islanda è la terra del ghiaccio e del fuoco. Sto tornando dalla Groenlandia, in inglese Green-land, e atterro nella Ice-land. In realtà dovrebbe essere l’esatto contrario. Ho lasciato una terra coperta dalla calotta polare, un mare ricoperto di iceberg, e dal finestrino dell’aereo che sta per atterrare vedo colline verdi e grandi terre rigogliose. Mi Racconto

La Pompei delle isole Azzorre: il vulcano Capelinhos

Il vulcano Capelinhos non esisteva fino al 1957. L’isola di Faial, delle Azzorre, finiva ad ovest senza la nuova terra. Nel 1957 il terreno ha iniziato a sputare fuoco, e ha continuato per oltre un anno, seppellendo case e un piano del faro, rimasto ora per metà sotto alla cenere. La lava si è riversata Racconto

Transilvania: viaggio al castello di Dracula (Bran)

Il castello di Bran è nell’immaginario collettivo sinonimo di mistero, luogo nascosto in mezzo alla foresta della Transilvania, difficile da raggiungere, impossibile da espugnare. Film e quadri aumentano la leggenda del castello, e di tutta la Transilvania stessa.

Azzorre: la Caldeira di Faial

Le isole Azzorre danno il meglio di loro quando il tempo è incerto, quando le nuvole e gli scrosci di pioggia si alternano al sole lasciando in giro arcobaleni. Le onde dell’oceano s’ingrossano e lanciano spruzzi bianchi sulla costa di lava nera, i vulcani appaiono e scompaiono in un gioco di luci e ombre.

Groenlandia: vita da iceberg

Ho sentito un boato nella notte, dalla mia tenda nel fiordo di Qaleraliq. Un colpo potente e sordo. Il fiordo finisce lì vicino, disegnando un semicerchio alla base della calotta polare. C’è un muro di ghiaccio a strapiombo sull’acqua. Non è compatto come lo si potrebbe immaginare. Guglie di ghiaccio si stagliano contro il cielo, Racconto

Il castello di Eilean Donan – Scozia

Ho aspettato oltre quattro ore per scattare questa foto. Ed era la terza volta che passavo davanti al castello di Eilean Donan, la porta verso l’isola di Skye nelle highland scozzesi. C’ero passato davanti la mattina andando su Skye, e poi nel pomeriggio tornando indietro, ma in entrambi i casi la luce non era quella Racconto

Norvegia: rotta verso Capo Nord

Risalgo la costa norvegese tra fiordi e foreste. La meta è Capo Nord. Ho sentito dire che la parte più a nord, quando finiscono le foreste e la taiga sfuma in tundra, diventa banale e poco interessante. Io poi andrò alle Lofoten, un passaggio a Capo Nord vale comunque la pena. Voglio vederlo di persona. Racconto

Il mio angolo d’Irlanda: la penisola di Dingle

La prima volta che ho viaggiato in Irlanda era inverno. Andavo a visitare un’amica a Dublino. In aereo ero seduto vicino ad una ragazza che mi ha detto: se vuoi la vera Irlanda, lascia perdere Dublino. Vai a ovest. Forse per il tono con cui me lo disse, quelle parole mi erano rimaste in mente. Racconto

Tramonto su Faial, arcipelago delle Azzorre

Ho scattato questa fotografia al tramonto, da un promontorio che si protende sul mare dall’isola di Faial alla Azzorre. Ci si può arrampicare con l’aiuto di una corda e passeggiare in mezzo ad un groviglio di piante. Sotto la scogliera di sinistra si può notare una cosa bianca: la carcassa di un’automobile precipitata chissà come Racconto

Scozia: l’isola di Skye

Gli scozzesi pubblicizzano l’isola di Aran, ad ovest di Glasgow, come la Scozia in miniatura. Se però volete un luogo dove della Scozia avete tutta la forza e la natura, puntate dritto verso l’isola di Skye, nelle “highlands”. Scogliere selvagge si alternano a spiagge, fari, promontori sul mare, montagne e valli incantate, pecore e castelli. Racconto
Torna Su