Giordania: la trappola turistica del Wadi Rum

wadi rum deserto trek

La prima volta che sono stato in Giordania, sono arrivato al Wadi Rum con un gruppetto di belgi che mi diedero un passaggio. Trovata una guida di fortuna, aggregandomi a una turista statunitense, ho atteso poi una buona mezzora, a fine giornata, per potere tornare indietro, cioè quando un australiano passò di lì con la sua guida. Il centro visitatori era più o meno deserto, una casetta in mezzo alla sabbia del deserto. Ci ero arrivato a piedi, quando il beduino mi aveva lasciato in un punto da dove avrei potuto raggiungerlo in autonomia.

 

wadi rum trek deserto giordania

Sabbia rossa nel Wadi Rum

Nel deserto avevamo incontrato un serpente, poi la famiglia della nostra guida, nelle loro tende, dove ci offrirono un pasto con loro, con le loro condizioni igieniche, per noi a rischio dissenteria. Il deserto era solo in parte solcato dai segni dei fuoristrada.

wadi rum trek deserto giordania blog

Momenti di pace nel Wadi Rum

Oggi il Wadi Rum è su tutte le guide della Giordania, su tutti i cataloghi, su tutti i consigli di viaggio per chi arriva in Giordania tramite le compagnie aeree low cost. Il deserto, una volta deserto, ora è affollato di campi tendati per i turisti. Si organizzano cene sotto alle stelle, feste di musica beduina (preparati ad hoc per le comitive…), si prenota via internet, si accede con jeep o cammelli. Al Wadi Rum village il parcheggio delle jeep sembra quello di un aeroporto. All’ingresso del deserto, sfrecciano una in fila all’altra nella pace perduta del deserto.

wadi rum deserto giordania blog trek

Trekking nel Wadi Rum

wadi rum deserto giordania ombre

La cosa è anche peggiore, perché lì i giordani, noti per la loro inesauribile ospitalità e cordialità, diventano aggressivi. Litigano tra di loro per accaparrarsi i turisti in arrivo, trattano i turisti stessi come pacchi da portare in giro in cambio di soldi. Il Wadi Rum è diventato un affare di grande business. Se nei paesini in Giordania si può dormire e mangiare con un pugno di dinari, nel Wadi Rum si spende come a Dubai.

wadi rum deserto giordania panorama blog

Ombre che si allungano nel Wadi Rum verso il tramonto

Ma, spesa a parte, è l’atmosfera che si è persa. Ci si immagina il deserto silenzioso, enigmatico, insidioso, da affrontare con cautela e timore reverenziale. Dune di sabbia fino all’orizzonte, solcare dal vento, da lucertole o serpenti annidati sotto alla superficie. Ci si aspetta la pace, il tempo che scorre lentamente, albe e tramonti magici.

Al Wadi Rum, di quello non c’è più quasi nulla. La poesia è sostituita dal rombo dei mezzi, che scorrazzano sulla sabbia a tutta velocità, per portare orde di persone tutte negli stessi luoghi famosi, cioè i ponti di roccia, i punti di osservazione del panorama, le dune rosse, certe montagne, per poi dirigersi nei finti accampamenti beduini. Che poi, soprattutto in inverno, si passa comunque una notte al gelo.

wadi rum deserto giordania tramonto blog

Il nostro camping tendato (Golden Sands, per chi cercasse un posto dove non pernottare) ci ha addirittura rifiutato, nonostante la prenotazione via booking, perché non volevamo fare l’escursione in jeep a prezzi folli. La sola notte non gli portava abbastanza guadagno. Meglio quindi prendere a pesci in faccia i due viaggiatori e cercarne altri disposti a spendere di più. Tanto, la strada che porta al Wadi Rum è ormai territorio di autobus di ogni genere.

wadi rum deserto blog trek

Al centro visitatori, sulle mappe che distribuiscono, ci sono indicati due percorsi di trekking. Il primo, più corto e vicino al centro visitatori, lo si può seguire senza problemi in autonomia. Il secondo parte dal village, ed è facile sbagliare un po’ la strada se non si intuisce di dovere superare una duna tra due montagne vicine, come è successo a noi, che abbiamo allungato fino a percorrere, alla fine, quasi 20 km a piedi e arrivando con l’ultima luce del sole.

Ci è voluto un bel po’ per noi per uscire dal percorso delle jeep. Poi ci siamo ritrovati da soli, e lì il Wadi Rum si è mostrato il deserto che ci aspettavamo. Almeno per un po’, ci siamo illusi di essere soli in mezzo al deserto. Non abbiamo visitato nessuno dei luoghi famosi, i ponti di roccia o i punti panoramici, ma la bellezza del Wadi Rum è la stessa comunque, e girare tra rocce e sabbia senza nessuno intorno vale mille volte il sito famoso ma affollato di mezzi e turisti.

wadi rum deserto trek

Dovessi tornarci una volta ancora, mi porterei la mia tenda e andrei ai margini, dove nessuno arriva, dove il deserto è ancora deserto.

wadi rum deserto giordania blog

ORGANIZZAZIONE AL WADI RUM

Prenotare un accampamento nel deserto, magari fuori stagione, potrebbe non per forza essere un’esperienza drammatica. Dipende anche dalla fortuna, ma soprattutto da quello che si cerca. Se si è già vissuta un’esperienza vera nel deserto, è fondamentale evitare le trappole turistiche, ad esempio camminando.

Oggi, l’offerta turistica è talmente alta che anche senza prenotare si trova tutto, dalla tenda all’escursione in jeep a quella con il cammello. È anche difficile leggere le recensioni sul web, perché in tanti turisti non si fanno domande, fanno il giro in jeep, tanti selfie al tramonto, omettendo nella recensione che erano in una colonna di mezzi a motore che solcavano strade sulla sabbia, pagando anche parecchi soldi.

Il Wadi Rum non è un deserto molto caldo. Anche nelle mezze stagioni, notte e mattine sono fredde e ventose. Poi, all’improvviso, dove le rocce riparano dal vento e batte il sole, il clima diventa rovente.

 

–> Foto e racconto del viaggio in Giordania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.